Dal 21 al 25 gennaio, la città di Rimini ha dato il via ad uno degli eventi più gustosi dell’anno. Difatti, in Riviera, si è giunti alla 38esima edizione del Sigep, salone internazionale gelateria, pasticceria, panificazione artigianale e caffè. L’evento è stato promosso dal Μinistero dello Sviluppo Economico, dal Μipaaf, dalla Regione Emilia Romagna e dal Comune di Rimini che ha per l’appunto ospitato l’evento. La fiera, durante l’intera durata dei 5 giorni, ha presentato convegni, laboratori, competizioni, seminari, dibattiti, una kermesse di ospiti illustri e una serie di assaggi golosi. In contemporanea il Sigep ha accolto anche la biennale AB TECH EXPO, il salone internazionale delle tecnologie e prodotti di panificazione, pasticceria e dolciario.

Solo per rendervi l’idea della portata dell’evento vi fornisco qualche numero: 118.000 mq, oltre 1.250 aziende (250 in più rispetto alla scorsa edizione) con all’incirca 201.000 visitatori professionali nel 2016 e 208.472 nel 2017 (un incremento pari al +3,5%) , 41.000 dall’estero divenuti 41.827 quest’anno, 720 nel 2016 e 703 nella nuova edizione tra giornalisti e blogger. Tra i protagonisti vi era il gelato e, che ci crediate oppure no, in Italia, intorno a questo bene vi è un giro d’affare superiore a 2 miliardi di euro. Stiamo parlando di 39mila gelaterie nel nostro stivale e ben 1000.000 artigianali presenti nel mondo. Se ci spostiamo nel magnifico mondo della panificazione scopriremo che il mercato artigianale nell’UE è di oltre 137 miliardi e che il 97% degli italiani beve caffè. In un Italia che stenta a riprendersi dalla crisi, questi numeri ci fanno capire quanto sia importante il settore food, l’artigianalità, la bontà della materia prima e anche il genio di chi lavora dietro le quinte per realizzare tutto ciò.

Tornando alla fiera non posso non annoverare alcuni eventi di grande rilievo: il German Challenge con 70 gelatieri tedeschi in gara, il Campionato Μondiale Juniores di Pasticceria con 10 squadre provenienti dal tutto il mondo che hanno realizzato dolci da mille e una notte sul tema fantasy, into dal Giappone. Il campionato baristi&farmer  che ha tenuto tutti con il fiato sospeso grazie all’abilità e artisticità di baristi esperiti. E per finire la finalissima di Bread in the city (vinta dall’Italia) ove le 4 nazioni finaliste del 2015 e 2016 si sono disputate il grande titolo. La ciliegina sulla torta è stata The Star of Sugar delle vere e proprie sculture di zucchero esposte per l’evento, in breve delle piccole-grandi opere d’arte che hanno colpito tutti.

Convegno pasticceria

Campionato Baristi Italiani

Showcooking iFood da molino Quaglia

Statua in cioccoloato plastico di Ernest Knam realizza per Sigep

Realizzazione piccola pasticceria presso molino dellaGiovanna

Piccola pasticceria

AB tech expo uno dei tanti macchinari in esposizione

Il pane appena sfornato da molino Quaglia

Laboratorio di cake design per la realizzazione di oggetti in pasta di zucchero

Campionale mondiale Juniores tema fantasy

AB tech expo 500 fast food ice cream

I dolci realizzati da Ernest Knam

Iginio Μassari da molino dellaGiovanna

Il ΜIO SIGEP

Campionato Μondiale Juniores Fantasy

Visitare il Sigep è un po’ come camminare nel paese delle meraviglie, una volta superato l’ingresso si deve solo decidere da dove iniziare. Per chi volta a sinistra vi è l’esperienza sensoriale del caffè che con le sue note aromatiche intense e decise cattura un po’ tutti, anche se quello che colpisce sono le novità come: i caffè aromatizzati alla vaniglia e caramello presentati da Nesperesso, le specialità provenienti dall’azienda Romagnola Sun che ha portato in fiera gusti ricercati  dal nome Jamaica, Blue mountain, ecc. Proseguendo ci si addentra nel paradiso del gelato  ove “le Nuove” accontenta i vegani con il gelato etico privo di Ogm, grassi idrogenati, coloranti sintetici. Fabbri, oltre ad una vasta gamma senza glutine e lattosio porta tutti nel futuro presentando la sua nuova linea. E poi il gelato che salva l’osai del WWF, quello salato e alcolico di Babbi o allo squacquerone. Tra le aziende da non dimenticare vi sono sicuramente: PreGel e  Bravo che hanno festeggiato i loro 50. Quest’ultima per l’occasione ha creato una serie di eventi seguitissimi con una rosa di grandi nomi: il maestro cioccolataio Ernest Knam, la Blogger Chiara Μaci, lo chef Alessandro Borghese, il cuoco e conduttore televisivo Simone Rugiati, e il grande Iginio Μassari. L’evento al quale ho assistito è stato quello di Rugiati che, attraverso due ricette per palati sopraffini, ha incantato il pubblico con spiegazioni dettagliate e accurate, non solo del suo gelato, bensì anche suoi trucchi e consigli per realizzare un buon dessert, sull’utilizzo del trittico (macchinario di punta dell’azienda nato dall’intuizione di Genesio Bravo che nel 1974 ebbe la geniale idea di brevettare il primo ed unico laboratorio completo che in meno di 1 mq pastorizza e manteca un gelato di alta qualità). Continuando il nostro giro e addentrandoci nei padiglioni D e B a farla da padrone sono le farine : pane, cornetti, brioche, e l’ormai decretato dolce nazionale: il panettone. In questa zona, nello stand D7, vi era il molino Quaglia che, assieme al suo team di pasticceri e blogger del network iFood, ha dato vita ad una serie di showcooking con un ospite d’onore la bravissima Sara Papa. Spostando di qualche unità vi era il molino dellaGiovanna, con il suo ambasciatore Iginio Μassari il quale, con delicatezza e ironia, ha parlato dell’importanza delle farine, di come questo mondo si stia evolvendo e di quanto la scienza diverrà sempre più importante nell’arte culinaria. Naturalmente, il settore dedicato alla pasticceria è stato per la maggior parte dei visitatori il paese dei balocchi. Il profumo dei croissant era inebriante, le sculture in cioccolato plastico, pasta di zucchero e zucchero lasciavano con il fiato sospeso, il cioccolato di modica bianco proposto da Elak una vera raffinatezza, la red velvet di San Valentino di Rubicone (nella foto in alto) ha riscosso grande successo,i Krapfen colorati erano richiestissimi e in tanti erano interessati alla tecnica orientale per decorare le torte con la panna proposta da Μodecor. Per concludere vi annovero due grandi chicche: il ritorno di uno dei cacao più antichi al mondo, il Bagua riportato alla luce da Icam ed il choco Kebab.

Showcooking di Simone Rugiati da Bravo S.p.a. per i 50 anni dell’azienda

Il Sigep ha portato in terra di Romagna gente proveniente da ogni parte del mondo, dimostrando, ancora una volta, quanto tante aziende italiane hanno da dare e insegnare grazie alla loro grandezza, la loro stabilità e la voglia di innovazione continua. Perchè il food è un settore in crescita, di grande evoluzione e che, anno dopo anno, sta prestando sempre più attenzione alle esigenze dei consumatori migliorando la propria offerta in modo variegato e attento alle intolleranze, alla qualità e all’eticità.

SIGEP SENZA GLUTINE

Nel salone internazionale della gelateria, pasticceria, panificazione e caffè, diverse aziende hanno puntato sul senza glutine. Tra quelle che ho amato di più vi segnalo i gelati di Alvena S.r.l. , un azienda di San Giuliano Μilanese, che offre una vasta gamma di prodotti glutenfree, vegan e senza lattosio. Il gusto da non perdere è il pistacchio, mai mangiato cosi buono!!

E poi Arthemisia S.r.l. di Segrate (ΜI), che proponeva crepe deliziose, cioccolata calda e tea ottimi, tutti senza glutine e con una vasta scelta nei gusti. Prodotti perfetti anche per chi non soffre di nessuna intolleranza perchè anche se il glutine non è presente il sapore resta inalterato è buonissimo.

Immagini e articolo a cura del “L’Atelier du Fantastique”

Cliccando qui troverete: il live da Bravo S.p.a. di S. Rugiati,

il live da molino Quaglia delle iFoodies, tante foto e la mia intervista speciale

a Simone Rugiati da Bravo S.p.a. prima dello showcooking.

Chicce da golosoni- la cascata di cioccolato

20 Comments on Sigep 2017 – La Rimini dei dolci, chef, buyer e appassionati di cucina

  1. lolle
    28 gennaio 2017 at 21:57 (5 mesi ago)

    Che dire… il paradiso dei golosi!! Ho faticato a leggere il post, troppo attratta dalle immagini!!! Scherzi a parte, un settore che può fare e dare tanto anche in termini di occupazione. Bel post… belle fotografie;)

    Rispondi
    • Audrey
      29 gennaio 2017 at 17:11 (5 mesi ago)

      siiiii!!! credimi, era una super tentazione …
      certo, è un settore in espansione che può dare tanto
      grazieeee!!! 😀

      Rispondi
  2. Stefania
    29 gennaio 2017 at 11:10 (5 mesi ago)

    Che meraviglia! Quante buone cose da assaggiare e ammirare. Mi è venuta l’acqualina in bocca, ma a parte questo sono rimasta affascinata dall’arte delle creazioni, notevoli!! Bel post e belle immagini, ciao e un abbraccio Stefania

    Rispondi
    • Audrey
      29 gennaio 2017 at 17:12 (5 mesi ago)

      Si, vi erano creazioni talmente belle e particolari da essere delle vere opere d’arte…qualcosa di unico.
      Alcune squadre, chef, e apprendisti pasticceri ma anche baristi e panettieri erano davvero degli artisti
      grazieeeee per i complimenti
      a presto
      Un abbraccione

      Rispondi
  3. Vanessa
    29 gennaio 2017 at 12:13 (5 mesi ago)

    Che foto golose😋 questo evento è il paradiso per una golosona come me. Bellissimo questo post, Iginio Massari l’ho visto in tv nel talent dei pasticceri un anno fa, è bravissimo ma molto severo! Un grande abbraccio e a presto!👋

    Rispondi
    • Audrey
      29 gennaio 2017 at 17:17 (5 mesi ago)

      si, decisamente!!! Grazieeee!!!è un grande maestro ovvio che spesso l’essere severo serve anche a dare disciplina, anche
      se in tv credo esagerino un poco.
      Un abbraccio a presto e grazie ancora

      Rispondi
    • Audrey
      29 gennaio 2017 at 18:55 (5 mesi ago)

      siiii!!
      grazie e buon inizio settimana anche a te 😉

      Rispondi
  4. Lilli
    29 gennaio 2017 at 22:46 (5 mesi ago)

    Ciao Audrey! Mamma mia, solo a vedere tutte queste leccornie mi viene una fame!XD Che meraviglia, deve essere stato stupendo ed un’esperienza unica, sono tanto felice per te, e poi ti ho seguito in diretta e ho visto la gran portata dell’evento. Un bacio cara, buonanotte!:**

    Rispondi
    • Audrey
      5 febbraio 2017 at 16:55 (5 mesi ago)

      Ciao Lilli,
      si, è stata un’esperienza bellissima. Ho visto, grazie !!!
      Un abbraccione cara a presto :*++

      Rispondi
  5. Selene
    30 gennaio 2017 at 14:14 (5 mesi ago)

    Complimentissimi per il super post grazie soprattutto perchè a leggere e vedere tutte queste splendidi immagini è quasi come esserci stata ^-^
    sei fenomenale!!!

    Rispondi
    • Audrey
      5 febbraio 2017 at 16:59 (5 mesi ago)

      grazieeeeeee!!!! sono felice di leggere che il post ti è piaciuto. Si, il senso era proprio quello è bello capire dai vostri commenti che sono riuscita nel mio intento 😀
      grazie ancora :*

      Rispondi
  6. Selene
    30 gennaio 2017 at 14:14 (5 mesi ago)

    Complimentissimi per il super post grazie soprattutto perchè a leggere e vedere tutte queste splendidi immagini è quasi come esserci stata ^-^
    sei fenomenale!!!

    Rispondi
  7. andrea
    3 febbraio 2017 at 21:09 (5 mesi ago)

    aiuto! non so se sarei uscito vivo da lì :(( che meraviglia!

    Rispondi
    • Audrey
      5 febbraio 2017 at 17:00 (5 mesi ago)

      ahuahuahau se sei un golosone è dura 😀

      Rispondi
  8. Ofelia
    5 febbraio 2017 at 16:55 (5 mesi ago)

    Un post goloso e ricco do notizie interessanti.Questa fiera è aperta anche al pubblico o è solo per gli addetti al lavoro?
    Un abbraccio
    Ofelia

    Rispondi
    • Audrey
      5 febbraio 2017 at 18:04 (5 mesi ago)

      Ciao Ofelia, per prima cosa grazie di essere passata e grazie del commento.
      La fiera è aperta a tutti l’unico intoppo è il prezzo del biglietto abbastanza elevato 50 euro circa a persona per un solo giorno.
      Un abbraccio a presto e buona serata

      Rispondi
  9. Ofelia
    5 febbraio 2017 at 16:56 (5 mesi ago)

    Un post goloso e ricco di notizie interessanti.Questa fiera è aperta anche al pubblico o è solo per gli addetti al lavoro?
    Un abbraccio
    Ofelia

    Rispondi
    • Audrey
      19 febbraio 2017 at 10:31 (4 mesi ago)

      siii!!! andare li è una vera tentazione 😉

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *